Elicottero Agusta AB-212 ASW Grupaer-Grottaglie della Marina Militare in scala 1/72 
Modellista: Moreno Bartolucci
 -
Il mio primo cimento con un modello di elicottero Ŕ stato propiziato dalla voglia di produrre sempre qualcosa che vada nella direzione di realizzare modelli attinenti al sopito, ma non per questo cestinato, progetto portaerei Garibaldi in scala 1/72 della nostra Associazione. Dopo varie ricerche su internet, quasi per caso mi imbattei a Modena, in un mercatino, in un kit fuori produzione della Fujimi, probabilmente l’unico di un UH-1N Iroquois che prevedesse anche la versione ASW della nostra Marina Militare. In veritÓ il kit, piuttosto vecchio e spartano, consentirebbe la realizzazione di una vecchia versione ancora in verde scuro e arancio, che non sarebbe attinente al periodo (2007) in cui Ŕ collocato il progetto Garibaldi. - L’idea iniziale era di realizzare un modello standard, per poi passare rapidamente alla costruzione di un AW101 sempre della Marina, dal momento che nel frattempo era uscito il bel kit dedicato dalla Italeri a questa “robusta” macchina. Per˛, come al solito iniziando a pianificare il lavoro e disponendo di un’ampia documentazione fotografica del 212, raccolta a Grottaglie durante una visita nel 2007, corroborata da alcuni scatti fondamentali di interni, tratti dal forum degli amici di Betasom, mi sono lasciato prendere la mano e la realizzazione ha stravolto quello che era il kit di partenza. Ho deciso di super dettagliare il modello a partire dagli interni, di una versione Anti Submarine Warfere (ASW) con sonar e radar di scoperta, con gli adattamenti per rendere la macchina compatibile con il ruolo secondario di Sea Air Rescue (SAR) affidatogli negli ultimi anni.- Il mercato dell’after market offre poco per la versione bimotore del UH-1, sicuramente il pi¨ prolifico e pi¨ venduto al mondo tra tutti gli elicotteri, fin dagli anni ’60 e tutt’ora in produzione presso la Bell o licenziatarie varie sparse nel mondo. Sono ripiegato quindi giocoforza su un foglio di fotoincisioni della Eduard e su una scatola della MK cecoslovacca, contenente anch’essa fotoincisioni ed alcuni particolari in resina. In veritÓ ho usato poca roba di tutto questo, integrando le modifiche necessarie con autocostruzioni e modifiche che hanno interessato anche gli after market appunto. La possibilitÓ di lasciare gli ampi portelloni aperti, consente la visione degli interni anche a modello finito ed anche l’abitacolo di pilotaggio da una buona visibilitÓ di sÚ, specie se si prevede di aprire gli sportelli, che nel kit di partenza invece sono solo chiusi. - Quindi ho preso una decisione drastica. Ho segato via il tetto del kit ed ho ricostruito il pianale interno, sfruttando anche il pianale offerto dalla MK che per˛ era per l’UH-1B come detto, che ha un passo pi¨ corto del UH-1N. Il tetto originale del kit Ŕ stato riutilizzato limitatamente alla zona del vano abitacolo posteriore, rivestendolo all’interno con il pezzo fornito da MK rimaneggiato nelle dimensioni. Il tettuccio vetrato dell’abitacolo Ŕ anch’esso MK, in resina.- - I sedili sono stati autocostruiti in plasticard; i relativi telai sono in parte in fotoincisioni Eduard e parte autocostruiti in lamierino. La strumentazione del sonar e quelle del radar di scoperta e quant’altro, sono state anch’esse autocostruite. - Utilizzando parti di microchips provenienti da un computer rotto, ho dettagliato anche il vano presente nel muso, parzialmente visibile dalle ampie vetrature presenti in questa zona. Il pannello strumentazione Ŕ stato realizzato partendo da quello della MK, ampiamente rivisitato. Ampiamente rimaneggiati il cupolone del radar e la carenatura ad esso retrostante, in quanto quella del kit era insufficiente. -Interamente autocostruiti con rod di stirene e stucco sono i galleggianti autogonfiabili attaccati al telaio dei pattini dell’elicottero.  Le decal fornite nel kit della Fujimi sono come detto per una vecchia versione, quando erano ad alta visibilitÓ. Ora la verniciatura attuale grigia realizzata con colore acrilico Gunze H307 FS36320 richiede decal a bassa visibilitÓ. --- Mi sono arrangiato per questo con lettere e coccarde tratte da fogli Model Friends ed attingendo al magazzino di fogli avanzati da precedenti lavori, sottoposte ad un tonedown con l’aerografo. Una passata robusta di invecchiamento ed usura ha contribuito ad assimilare l’aspetto del modello a quello delle macchine originali della Marina Militare ormai un po’ datate e molto vissute, dato il continuo ed intenso uso che se ne fa, sia dalle basi a terra e soprattutto dalle unitÓ naviganti, a bordo delle quali l’AB212 continua a prestare la sua preziosa opera ormai da decenni, in Italia ed all’estero. - - --










AMC Associazione Modellisti Chiaravallesi Piazza Pertini, 4/A - 60033 Chiaravalle (AN) C.F. 93099250420